Souloncology

Oltre la malattia

Dall’eleuterococco alla zucchina, rimedi naturali contro afa e stanchezza

Roma, 20 giugno 2013 – Estate è sinonimo di mare e vacanze. Ma con l’arrivo del caldo, e un anno di lavoro o di studio sulle spalle, è anche più facile sentirsi deboli e stanchi. Il gesto più comune è quello di ricorrere all’ennesima tazzina di caffè, ma una dose eccessiva può avere controindicazioni, dalla tachicardia ai disturbi del sonno.

Esistono però tanti altri rimedi che aiutano a ‘stare su’ in modo naturale, si tratta di piante come il guaranà, il ginseng o l’eleuterococco, o di un alimento nobile come la pappa reale. Prima di utilizzarle però è bene depurarsi, perché le tossine accumulate nel nostro corpo sono una zavorra che gli impedisce di reagire prontamente nei momenti di stress e contribuiscono ad acuire la sensazione di stanchezza. L’ideale è quindi bere molto, assumendo almeno un litro di tisana al giorno (vanno bene il tarassaco, la betulla, la bardana e il carciofo). Il guaranà funziona più o meno come il caffè e, così come il ginseng, si assume in capsule o polvere. Guaranà e ginseng non hanno controindicazioni ma per chi soffre di pressione alta o di disturbi del sonno è meglio preferirgli la pappa reale o l’eleuterococco. L’eleuterococco è un tonico adattogeno: questo significa che sa modularsi sulle necessità dell’organismo agendo proprio quando il corpo va in stress. Si possono acquistare preparazioni di tutti i tipi, che mescolano queste piante tra di loro a seconda delle esigenze. Si utilizzano durante i cambi di stagione o nei momenti di maggiore stress e vanno assunti per almeno un paio di settimane. Anche l’alimentazione fa la sua parte. Frutta e verdura sono gli alimenti più adatti per prepararsi all’afa (e all’abbronzatura) e fare un pieno di vitamine. Con un alto apporto di acqua e bassi livelli di calorie e grassi, i prodotti ortofrutticoli sono un toccasana per la dieta quotidiana grazie alla loro ricchezza di minerali e di proprietà antiossidanti, tonificanti e disintossicanti. Combattere i classici colpi di calore e la spossatezza dovuta al caldo introducendo il giusto apporto di fibre, di sali minerali, vitamine, aiutare la pelle ad abbronzarsi e presentarsi in forma per le vacanze: frutta e verdura, consumate nelle dosi giornaliere consigliate dall’Oms (almeno 400 gr al giorno), sono indispensabili per affrontare al meglio i mesi estivi. Le pesche forniscono minerali ricostituenti come potassio e calcio. Le susine sono perfette per chi cerca alimenti depurativi ed energetici, grazie al contenuto di fruttosio, sali minerali e vitamina A. Per chi vuole un tonico muscolare le ciliegie sono il frutto più adatto perché ricche di sostanze remineralizzanti e disintossicanti. Con le albicocche si fa un pieno di betacarotene, coadiuvante nella protezione della pelle dai raggi del sole, in più si assimilano pochissime calorie e molta acqua, necessaria per mantenere alto il livello di idratazione dell’organismo e per combattere la ritenzione idrica. Il melone è altamente dissetante e ha funzioni diuretiche. Le zucchine sono vedure antifatica” grazie agli alti apporti di potassio.

 

Non è possibile lasciare nuovi commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: