Souloncology

Oltre la malattia

12 Settembre 2019
di intermedianews
0 commenti

OMS: “In Europa aumentano le disuguaglianze in sanità”

Roma, 12 settembre 2019 – Dalle differenze reddituali, passando per le condizioni di vita fino all’accesso ai servizi, al lavoro e al livello d’istruzione. Sono questi i cinque fattori chiave di rischio che trattengono molti bambini, giovani, donne e uomini dal raggiungimento di una buona salute e dal condurre una vita sicura e dignitosa. È quanto emerge dal primo rapporto sullo stato delle equità sanitarie dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il report evidenzia come le disuguaglianze sanitarie in molti dei 53 paesi nella regione europea dell’OMS rimangono le stesse o sono peggiorate nonostante i tentativi dei governi di affrontarle. “Per la prima volta, il Rapporto sullo stato delle equità sanitarie fornisce ai governi i dati e gli strumenti di cui hanno bisogno per affrontare le disuguaglianze sanitarie e produrre risultati visibili in un periodo di tempo relativamente breve, anche entro la durata di un governo nazionale di quattro anni” afferma Dr. Zsuzsanna Jakab, Direttore regionale dell’OMS per l’Europa. Secondo il Rapporto “la gamma di politiche delineate nel Rapporto stimola sia lo sviluppo sostenibile che la crescita economica. Ridurre le disuguaglianze del 50% produrrebbe benefici finanziari per i paesi che vanno dallo 0,3% al 4,3% del prodotto interno lordo (PIL), secondo il Rapporto”. Il documento evidenzia inoltre come l’impatto delle politiche per far fronte a questi rischi negli ultimi 10-15 anni. E si è scoperto che molti dei fattori critici che guidano le disuguaglianze sanitarie non vengono sufficientemente affrontati dai paesi della Regione Europea. Ad esempio, mentre il 29% delle disuguaglianze sanitarie derivano da condizioni di vita precarie, il 53% dei paesi della Regione ha disinvestito in alloggi e servizi alla comunità negli ultimi 15 anni.

6 Settembre 2019
di intermedianews
0 commenti

Vaccini: OMS e Facebook alleati contro le fake news

Roma, 6 settembre 2019 – Facebook prende posizione contro la corrente “no vax”. Il social network indirizzerà automaticamente gli utenti alla ricerca di informazioni, o che utilizzano hashtag inerenti, verso pagine web create da organismi ufficiali di sanità pubblica. Chi accederà alle pagine e ai gruppi di Facebook e Instagram in materia di vaccini, o farà ricerche specifiche, avrà accesso a un modulo informativo e a un collegamento che lo porterà ai siti dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) negli Stati Uniti e all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in altre parti del mondo. L’OMS accoglie con favore l’impegno di Facebook a garantire che gli utenti trovino informazioni certificate. “Abbiamo discusso per diversi mesi con Facebook sulla necessità di garantire che le persone possano accedere a informazioni autorevoli sui vaccini, in modo da ridurre la diffusione di dati inesatti – sottolinea il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus – che rappresenta una grave minaccia per la salute globale e potrebbe invertire decenni di progressi compiuti nella lotta alle malattie prevenibili: morbillo, difterite, epatite, poliomielite, colera, febbre gialla, influenza”.”Le principali organizzazioni digitali – precisa il Dg – hanno una responsabilità nei confronti dei loro utenti: garantire che possano accedere a dati corretti sui vaccini. Sarebbe bello vedere tutti i social e le piattaforme di ricerca unirsi per sfruttare insieme le loro peculiarità. Questi sforzi – conclude Ghebreyesus – devono essere accompagnati da passi concreti da parte dei governi e del settore sanitario, per promuovere la fiducia nei confronti delle vaccinazioni e rispondere ai bisogni e alle preoccupazioni dei genitori”.

5 Settembre 2019
di intermedianews
0 commenti

EUROSTAT: spesa sanitaria italiana ancora sotto la media UE

Roma, 5 settembre 2019 – Il nostro Paese si colloca ancora sotto la media europea per quanto riguarda la spesa sanitaria. E’ quanto certificato dall’EUROSTAT nel suo ultimo report. In termini di percentuale del prodotto interno lordo (PIL) l’Italia si attesta all’8,9%. La spesa sanitaria media nell’UE si stima che nel 2016 sia stata invece pari al 9,9%. La spesa sanitaria corrente in Francia era equivalente all’11,5% del PIL, più che in qualsiasi altro Stato membro dell’Unione. I rapporti più alti successivi sono stati in Germania (11,1%) e Svezia (11,0%). Al contrario, l’attuale spesa sanitaria rappresentava meno del 7,5% del PIL in 12 Stati membri, con la Romania che registra il rapporto più basso (5,0%). Il Lussemburgo ha il secondo rapporto più basso tra spesa sanitaria e PIL, ma per l’alto livello del PIL di quello Stato. Le spese sanitarie e il PIL sono entrambi influenzati dalle variazioni dei prezzi e quindi, combinando i due indicatori in un rapporto, l’impatto dell’inflazione può essere annullato in una certa misura. Nel 2016 il livello delle spese sanitarie correnti in Germania è stato di 352 miliardi di euro, il valore più alto tra gli Stati membri dell’Ue. La Francia ha registrato il secondo livello più elevato delle spese sanitarie correnti (257 miliardi di euro), seguita dal Regno Unito (234 miliardi di euro). L’Italia registra una spesa di poco più di 150 miliardi di euro.

4 Settembre 2019
di intermedianews
0 commenti

Cancro: nei Paesi ricchi determina più decessi delle malattie cardiovascolari

Roma, 4 settembre 2019 – Le patologie cardiovascolari sono la principale cause di morte in tutto il mondo per gli adulti di mezza età. Nei paesi ricchi però la frequenza dei decessi per cancro è doppia rispetto a quelli determinati dalle malattie cardiovascolari. E’ quanto sostiene uno studio internazionale pubblicato sulla rivista The Lancet e presentato in occasione dell’ultimo Congresso dell’European Society of Cardiology (ESC). La ricerca è stata condotta presso il Population Health Research Institute (PHRI) della McMaster University e Hamilton Health Sciences ad Hamilton, in Canada. Ha coinvolto in totale 162.500 adulti di 35-70 anni, provenienti da 21 paesi a basso, medio e alto reddito e seguiti per un periodo medio di 9,5 anni. Dall’indagine è emerso che le malattie cardiovascolari rappresentano la causa più comune di morte: il 40% dei decessi in media. Si va da un minimo del 23% nei paesi ricchi al 41% nei paesi a medio reddito, fino al 43% nei paesi poveri. I fattori di rischio cardiovascolare come obesità, fumo o sedentarietà risultano comunque maggiori nei paesi ricchi. “Il mondo sta assistendo a una nuova transizione epidemiologica, le malattie cardiovascolari non sono più la principale causa di morte nei paesi ad alto reddito – ha affermato Gilles Deganais, professore emerito alla Laval University Quebec e coautore di entrambe le pubblicazioni -. Ma poiché i tassi globali di malattie cardiache diminuiscono, il cancro potrebbe diventare la principale causa di morte in tutto il mondo nei prossimi decenni”.

3 Settembre 2019
di intermedianews
0 commenti

Farmaci: decisioni di EMA e FDA allineate nel 90% dei casi

Roma, 3 settembre 2019 – L’European Medicines Agency (EMA) e la statunitense Food and Drug Administration (FDA) sono sempre più allineate. Condividono infatti oltre il 90% delle decisioni di autorizzazione all’immissione in commercio di nuovi medicinali. E’ questo il principale risultato di un’analisi congiunta delle due agenzie regolatorie che ha confrontato le decisioni su 107 nuove domande di medicinali presso le due agenzie tra il 2014 e il 2016. Lo studio ha inoltre esaminato le domande per le quali le agenzie hanno avuto risultati diversi in termini di tipo di approvazione e indicazione. Il motivo più comune per decisioni divergenti nelle due agenzie erano le differenze nelle conclusioni sull’efficacia, mentre le differenze nei dati clinici presentati a supporto di una domanda sono state la seconda causa più comune delle decisioni divergenti FDA ed EMA. “L’alto tasso di convergenza nell’autorizzazione di nuovi medicinali presso l’EMA e la FDA è il risultato di maggiori investimenti nel dialogo e nella cooperazione dal 2003 e ha favorito l’allineamento tra l’UE e gli Stati Uniti rispetto alle decisioni sulle autorizzazioni all’immissione in commercio, mentre entrambe le agenzie valutare le domande indipendentemente l’una dall’altra”, ha affermato Zaide Frias, capo della divisione di valutazione dei medicinali per uso umano dell’EMA. “La nostra cooperazione supporta chiaramente entrambe le agenzie nel raggiungimento di un obiettivo comune di massimizzare l’accesso dei pazienti a medicinali sicuri, efficaci e di alta qualità in entrambe le regioni”, ha aggiunto.