Souloncology

Oltre la malattia

Oncologia e cucina: la cucina estrema. Il report

 

Un report dell’iniziativa di Salvatore Artale, direttore della divisione di Oncologia dell’ospedale di Gallarate, “Oncologia e cucina: la cucina estrema”: un appuntamento dedicato alla prevenzione dei tumori.

Atmosfera amichevole, toni leggeri, grande professionalità, location accogliente come quella del ristorante San Vittore di Milano.  Così riassume in breve la serata del 18 febbraio Salvatore Artale, Direttore della Divisione Oncologia di Gallarate e organizzatore dell’evento.

La Dr.ssa Anna Villarini, biologa nutrizionista del Dipartimento Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva – Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano, ha aperto la serata con una lettura magistrale di grande rigore scientifico, sottolineando l’importanza di una corretta alimentazione nella prevenzione di alcuni tumori.

Intanto in cucina, creative e appassionate e guidate dalla sapiente regia di Giovanni Maggi, Gaia, Elisabetta e Paola cucinavano cibi di ricercata freschezza nel rispetto dei canoni dell’alimentazione sana in accordo alle raccomandazioni del Fondo Mondiale della Ricerca sul Cancro.

[Clicca sulle immagini per ingrandirle]

Scopriamo le loro identità

Giovanni Maggi ferrarese di origine, ma nato a Milano, è Executive Chef della scuola della cucina Italiana a Milano. Ha iniziato a lavorare in cucina tra Francia e Inghilterra. Uomo carismatico e generoso, sostenitore della cultura dell’alimentazione sana, della scelta di prodotti di qualità. Le sue parole d’ordine sono: sano, fresco, pochissima cottura riferendosi in quest’ultimo caso al pesce azzurro

Elisabetta Meroni, Paola Sibilia e Gaia Gorla sono state allieve di Giovanni, frequentando i corsi della scuola della cucina italiana . Elisabetta e Paola sono, nella vita professionale, rispettivamente traduttrice e architetto progettista del verde. Gaia invece non è cuoca per caso e gestisce con grande professionalità un blog di cucina che vanta migliaia di visitatori. Gli appassionati posso trovare anche ricette personalizzate per persone con intolleranze alimentari.

Toccante la partecipazione di tutti a titolo gratuito e il loro lavoro di squadra per raggiungere il fine ultimo dell’evento, quello benefico a favore della Onlus Jacopo Laudi Ali Rosse.

Un plauso particolare a coloro che hanno partecipato come spettatori, dimostrando una grande sensibilità verso il tema della prevenzione dei tumori , contribuendo alla raccolta di fondi destinati alla già citata associazione Jacopo Laudi per  il progetto “Costruiamo la Nostra Oncologia” finalizzato al miglioramento dell’assistenza dei pazienti oncologici e allo sviluppo della ricerca scientifica nella divisione di Oncologia dell’Ospedale di Gallarate.

Dato il successo della manifestazione, l’importanza dell’argomento trattato e la richiesta di ripetere l’evento, si sta pensando ad una seconda edizione in data da destinarsi.

I commenti sono chiusi.