Souloncology

Oltre la malattia

Caffè e tamoxifene dimezzano rischio recidiva di cancro al seno

| 0 commenti

Lund, 27 aprile 2015 – Il caffè potrebbe dimezzare il rischio di recidiva di cancro al seno nei pazienti trattati con Tamoxifene. Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Lund in Svezia afferma che le donne con diagnosi di cancro al seno che stanno prendendo tamoxifene potrebbero dimezzare il loro rischio di recidiva bevendo caffè. I risultati – pubblicati sulla rivista Clinical Cancer Research – si basano su quelli di un precedente studio condotto da ricercatori dell’Università di Lund nel 2013, in cui il team ha trovato un legame tra consumo di caffè e ridotta recidiva del tumore al seno in 300 donne che hanno usato tamoxifene. In questo studio i ricercatori sono stati in grado di spiegare il motivo per cui il caffè sarebbe efficace per la protezione contro il ritorno del cancro al seno in queste donne. Delle 1.090 donne con cancro al seno incluse nello studio, circa 500 sono state trattati con tamoxifene. Il consumo di caffè delle donne è stato valutato e assegnato a una delle tre categorie: basso consumo (meno di una tazza al giorno), un consumo moderato (2-4 tazze al giorno) e un elevato consumo (cinque o più tazze al giorno). I ricercatori hanno scoperto che tra le donne che trattate con tamoxifene, coloro che avevano il consumo di caffè moderato o alto avevano metà del rischio di recidiva del cancro al seno rispetto a coloro che avevano un basso consumo di caffè o non bevevano caffè affatto. Per di più, il team ha scoperto che le donne trattate con tamoxifene che hanno consumato almeno due tazze di caffè al giorno avevano tumori più piccoli e una percentuale più bassa di tumori ormono-dipendenti rispetto alle donne che hanno consumato meno caffè. Successivamente, i ricercatori hanno analizzato gli effetti di due sostanze presenti nel caffè – acido caffeico e caffeina – sulle cellule del cancro al seno: è emerso che entrambi questi composti riducono la divisione cellulare e l’aumento della morte cellulare sia tra ER + che tra recettori per gli estrogeni negativi (ER), le cellule del cancro al seno. “I risultati clinici e sperimentali dimostrano le diverse proprietà antitumorali della caffeina e dell’acido caffeico che possono sensibilizzare le cellule tumorali insieme al tamoxifene nel ridurre la crescita del cancro al seno” hanno concluso i ricercatori.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: