Souloncology

Oltre la malattia

Ospedale senza dolore

 

“Il dolore è … quando tu urli chiedendo aiuto e nessuno viene”: con queste parole un bambino di scuola elementare descrisse in maniera significativa il dolore (McCaffery e Beebe 1989). Partendo da questa frase, i volontari della Fondazione Salesi hanno deciso di “arrivare”, di rispondere all’urlo di dolore dei bambini ricoverati nell’ospedale di Ancona,per non farli sentire soli ed alleviare le loro sofferenze. “I Care”,dunque, inteso non solo come “mi prendo cura”, ma anche come “mi importa, mi riguarda, me ne occupo, mi sta a cuore”.
Attraverso una serie di iniziative, la Fondazione Salesi permette ai bambini ricoverati in ospedale ed ai loro genitori di non sentirsi soli, bensì accompagnati da persone sempre disponibili ad ascoltarli e sostenerli.

“Niente dolore in corsia” è il progetto che permette ai bambini della SOD di Cardiochirurgia Pediatrica di essere distratti, durante le procedure più dolorose, dalla presenza di due Clown Dottori professionisti, appositamente formati dalla Cooperativa Clown Destini alla cognizione ospedaliera. La clown terapia è un’attività molto importante ma da utilizzare nel modo corretto, senza improvvisazioni, in modo da dare spazio anche all’ascolto del dolore e della sofferenza. Il progetto prevede anche l’ausilio di una psicologa.

La “Pet Therapy” è certamente uno dei momenti più amati dai bambini: presso il reparto di neuropsichiatria, alla presenza di una psicologa e di un conduttore professionista, i bambini hanno la possibilità di incontrare un animale ed interagire con lui, in un clima sereno fatto di giochi, risate ed allegria. Utile soprattutto per i ragazzi con difficoltà psicologiche e psicosociali, la pet therapy ha riscosso grande successo anche tra le famiglie dei pazienti coinvolti.

“Ahi che male” è il titolo di un libricino rivolto ai bambini ricoverati in Oncoematologia pediatrica, per aiutarli a riconoscere e gestire il dolore. Il libricino è stato realizzato all’interno del progetto condotto dalla Dott.ssa Giulia Palego, psicologa della Fondazione Salesi, che effettua all’interno dell’ospedale, tecniche non farmacologiche quali la distrazione, il coinvolgimento, la respirazione e il rilassamento, per alleviare il dolore di procedure diagnostiche e terapie invasive. Il libricino è stato adottato da tutti i reparti di Oncoematologia pediatrica in Italia ed è possibile richiederlo scrivendo direttamente a fondazionesalesi@ospedaliriuniti.marche.it o inviando un fax al numero 0715962829 oppure contattando il numero 071 5962844 (le spese di spedizione sono a carico del destinatario).

“Salesino…racconta” è invece un opuscolo utile per preparare i bambini prossimi all’intervento chirurgico ed i loro genitori, per aiutarli ad affrontare ansia e stress. Un bambino preparato ad vivere l’esperienza operatoria è un bambino che collabora, mentre idee errate o non chiarite sull’esperienza operatoria possono spaventare più che una realistica presentazione di ciò che dovrà affrontare, con qualche ricasco sul normale sviluppo psicologico.

Note in reparto è il nome di un percorso che raggruppa due progetti distinti: “Musicabilis” e “Musincanto”. La musica ha un forte impatto non solo sul piccolo paziente, ma sull’intero ambiente ospedaliero e costituisce una grande opportunità per alleviare dolori e preoccupazioni ed anche diffondere creatività e cultura.

“Musicabilis” è un progetto rivolto ai bambini affetti da sindrome di down. Due musico-terapeute ed una psicologa utilizzano la musica per migliorare la condizione motoria e l’articolazione del linguaggio. Il progetto permette anche l’instaurarsi di relazioni positive, l’abbandono dei ruoli e delle dinamiche forte-debole per lasciare spazio a nuove dinamiche più efficaci per un buon funzionamento sociale.

“Musincanto” è invece un progetto costituito all’interno del reparto di Terapia Intensiva Neonatale, per contribuire all’accoglienza e permanenza dei piccoli pazienti e dei loro familiari, oltre che a migliorare le condizioni lavorative del personale in questa delicatissima realtà. La musica ha effetti positivi sui bebè, riducendo la sofferenza durante le procedure mediche dolorose, aiutandoli a dormire meglio e mangiare di più e quindi crescere più velocemente. Inoltre sembra avere effetti positivi sui parametri fisiologici quali il battito cardiaco e la respirazione.

Le favole della buonanotte: in tutti i reparti pediatrici, ogni sera dalle 18 alle 20:30 un team di volontari intrattiene i piccoli pazienti prima della buona notte, con libri e giochi diversificati per fasce d’età, materiale anche per bambini ipovedenti, e la lettura o il racconto di favole e filastrocche.

Tutte le attività della Fondazione Salesi per i piccoli pazienti sono possibile grazie alla disponibilità e all’impegno di volontari.

Info:
Fondazione Ospedale Salesi

Non è possibile lasciare nuovi commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: